Gestione dei Conflitti, Team Building e Comunicazione Non Violenta

Sono le parole chiave per costruire un gruppo di lavoro efficiente ed un’organizzazione dove il raggiungimento di obiettivi pratici sia affiancato al benessere di chi vi lavora.

Gli obiettivi di un’organizzazione sono di natura politica, sociale, economica, culturale o cognitiva.

Questi obiettivi vengono raggiunti da persone. Le persone, oltre alla sfera razionale, vivono quotidianamente nella sfera fisica e nella sfera delle emozioni.

I principali conflitti riscontrati all’interno di un’organizzazione sono conflitti legati alla comunicazione, ovvero ad una comunicazione dove non c’è uno spazio per l’ascolto dei bisogni individuali che rientrano in una di queste tre sfere.

In qualsiasi contesto, un’assenza di comunicazione o una comunicazione difettosa generano silenzio e frustrazione.

Tale situazione spesso scaturisce in una polarizzazione dei personaggi del conflitto ed in una manifestazione violenta ed irrazionale delle differenti posizioni in gioco.

Un conflitto che ha raggiunto questo stadio è un conflitto di difficile gestione, destinato ad incrementare il malcontento all’interno di un’organizzazione o di un gruppo ed a generare perdite di alcuni dei suoi componenti.

Il risultato finale, oltre alla sofferenza all’interno dell’organizzazione, sarà una bassa qualità del lavoro. Se l’organizzazione ha come missione essere a servizio delle persone (in ambito educativo, nella lotta all’emarginazione, nella salute o in altri contesti di aiuto) una bassa qualità del lavoro genererà ulteriori danni. 

Le persone assistite vivranno direttamente le conseguenze della valanga emozionale che proviene dall’organizzazione che dovrebbe migliorare la loro vita.

Migliorare il lavoro di un’organizzazione significa generare spazi per la gestione dei conflitti. Questi spazi devono essere pensati in modo tale che possano dar voce a tutti i suoi componenti, perchè ciascuno possa esprimere le propri necessità.

Il Teatro offre delle possibilità di VALORE per la costruzione di spazi per la gestione dei conflitti. Si tratta di spazi che permettono di superare il livello verbale di un conflitto, riconoscendo importanza alla sfera delle emozioni.

Attraverso giochi ed eservizi teatrali è possibile osservare i conflitti dall’esterno e cercare soluzioni in maniera lucida ed efficiente.

Un Teatro che lavora in questa direzione non ha come priorità  rappresentare uno spettacolo, ma piuttosto migliorare le relazioni ed assicurare il benessere di un’organizzazione e dei suoi componenti.