Il teatro della Tenerezza è un teatro semplice perché vuole dare la possibilità agli ultimi degli ultimi di raccontare la loro storia.

E’ un teatro  di immagini essenziali perchè permette di visibilizzare gli invisibili.

E’ un teatro che dà spazio alle parole che provengono dal cuore, perchè aiuta a dar voce a chi non ha voce.


Laboratori per l’integrazione linguistica e culturale

Credo che l’accoglienza sia nella natura dell’essere umano. Accogliere vuol dire valorizzare le diversità ed utilizzare la visione del mondo di ciascun individuo per costruire società più felici. Sono a servizio di minori stranieri non accompagnati, rifugiati e richiedenti asilo per facilitare la creazione di strumenti di comunicazione e di integrazione. Richiedi un Laboratorio per l’Integrazione.

Laboratori di Teatro in carcere

Vivere una vita dietro le sbarre è un punto di partenza per una riflessione profonda sulla libertà, sulla giustizia e sulla colpa. Osservare una vita dietro le sbarre permette di avvicinarsi alla compassione, all’empatia e al perdono. Lavoro con persone private di libertà per trasformare la solitudine della reclusione in occasione di crescita per l’intera società.Richiedi un Laboratorio di Teatro in Carcere.

Laboratori di Teatro nella scuola

I nostri figli e le nostre figlie rappresentano un’norme ricchezza, un patrimonio ricco di emozioni, di energia e di avventure creative. E’ urgente trasformare l’insegnamento per rivalutare l’importante ruolo che possiede la scuola come agenzia educativa. Svolgo laboratori principalmente con scuole del secondo ciclo. Mi interessa lavorare nelle peggiori scuole. Voglio valorizzare i saperi pratici e l’intelligenza emotiva di studenti e studentesse considerati irrecuperabili dalle strategie tradizionali di insegnamento. Considero importante riconoscere l’umanità presente in ogni studente e in ogni studentessa. Desidero contribuire alla costruzione di una Pedagogia della Tenerezza! Richiedi un Laboratorio nella scuola.

Formazione in Teatro della Tenerezza

Voglio condividere le mie conoscenze e la mia esperienza con educatori ed educatrici, insegnanti, studenti e studentesse universitarie, attivisti, volontari, persone impegnate in attività di counselling e coaching ed in mestieri di aiuto. La sistematizzazione di errori e buone pratiche e l’organizzazione di percorsi creativi sono punti chiave per chiunque lavori con le persone e a servizio delle persone. Per salvare il mondo, oltre ai buoni propositi, abbiamo bisogno di persone disposte a intraprendere un percorso di conoscenza, sistematizzazione e pratica. Abbiamo bisogno di persone che, prima di migliorare il mondo, siano disposte a migliorare se stesse. Cambiamo il mondo insieme?